Cosa È la Geolocalizzazione e Come Aggirare Il Geoblocking

Con l’avvento di Internet è arrivata anca lo convinzione di avere finalmente tra le mani uno struumento libero che consente di accedere a qualunque tipo di informazione. In effeti. a causa dell’utilizzo della geolocalizzazione le cose non stanno realmente così. A causa dell’utilizzo del geoblocking, o geolocalizzazione, moltissimi siti risultano bloccati impedendoti l’accesso.

Come funziona la geolocalizzazione per stabilire la posizione di un dispositivo? È possibile agiirare la geolocalizzazione e sbloccare siti web altrimenti non accessibili? 

Le seguenti informazioni ti daranno una risposta precisa a queste domande. Troverai anche una guida su come disattivare la geolocalizzaziione dai  browser internet.

Che Cos’è la Geolocalizzazione e Come Funziona

Cosa È la Geolocalizzazione e Come Aggirare Il Geoblocking

La geolocalizzazione è una tecnologia utilizzata per determinare con una certa accuratezza la posizione geografica di un dispositivo connesso a Internet.

Esistono diverse tecniche per rilevare la posizione di un dispositivo. Nel caso degli apparecchi collegati in rete, la geolocalizzazione si avvale dell’indirizzo IP del dispositivo.

L’indirizzo IP è un codice numerico che identifica in maniera univoca un dispositivo e viene assegnato al tuo dispositivo dal tuo fornitore di servizi internet. Anche se non è preciso come il segnale GSM, l’indirizzo IP rivela importanti informazioni sul tuo dispositivo fra le quali anche la posizione da cui ti stai collegando a Interenet. In questo modo i vari siti web sono in grado di determinare da dove ti stai connettendo.

La geolocalizzazione svolge un ruolo importante per diverse funzioni. Ad esempio, grazie alla geolocalizzazione, molti siti come Goolge, riescono a fornirti informazioni pertinenti con la zona in cui ti trovi come, quando ad esempio, esegui una ricerca per un ristorante, un albergo, un servizio o qunt’altro.  I risultati che ti vengono ostrati sono tutti nelle vicinaze in cui ti trovi.

Altro esempio di utilizzo della geolocalizzazione è la funzione per trovare il tuo dispositivo. La geolocalizzazione ti consente di rintracciare il tuo smartphone o tablet in qualsiasi momento.

Geolocalizzazione e Geoblocking

Oltre a tutte queste funzioni che si possono avere una certa utilità, la geolocalizzazione viene utilizzata anche per attuare il geoblocking.

Molti siti web utilizzano infatti la geolocalizzazione per bloccare l’accesso a utenti che si collegano al di fuori di determinate aree geografiche. Come appena spiegato, i siti web sono in grado di riconoscere il tuo indirizzo IP e quindi la posizione geografica da cui ti stai connettendo. Grazie a questa informazione, i siti possono consentire o bloccare l’accesso al sito a seconda della posizione geografica da cui ti stai connetendo. Questa pratica viene definita geoblocking. 

Ad esempio, se provi ad accedere a RAI streaming mentre sei fuori dall’Italia, invece di avere accesso ai contenuti ti verrà mostrato questo messaggio:

Geolocalizzazione per attuare il geoblocking
Esempio di sito bloccato utilizzando la geolocalizzazione

La stessa cosa succede per moltissimi siti tra cui Sky GO, Netflix, HBO Go, Hulu, BBC i Player, Spotify, e la lista potrebbe continuare all’infinito.

Perchè Viene Utilizzato il Geoblockink?

Le ragioni per cui molte aziende utilizzano la geolocalizzazione per bloccare i contenuti sono molteplici.

Una ragione ha certamente a che fare con i diritti sul copyright. Molti siti di streming come Netflix, HBO Go, BBC iPlayer e tantissimi altri, hanno acquistato i diritti per trasmettere i loro contenuti solo in certi paesi. Per evitare violazioni sugli accordi per il copyright, questi siti devono bloccare l’accesso a tutti gli utenti ch non risiedono nel paese in cui l’azienda detiene i diritti.

Altri siti, come già menzionato, utilizzano la geolocalizzazione per incrementare l’accuratezza dei propri servizi. Questo è ad esempio il caso quando le tue ricerche su Internet vengono affinate in base alla tua posizione geografica.

In altre situazioni i propositi sono meno nobili. Molte aziende, ad esempio, fanno pagare i loro prodotti in base alla posizione geografica dei propri clienti. Un classico esempio è Apple. Se fai un rapido confronto tar il sito USA di Apple e quello italiano, vedrai che i prezzi per il nostro mercato sono decisamente più alti di quelli applicati negli Stati Uniti.

La stessa cosa succede con le piattaforme per shopping online, prenotare hotel, voli, auto e quant’altro. Collegandosi a questi siti da altre nazioni, i prezzi per lo stesso servizio si possono a volte ridurre anche del 50% rispetto a quello che pagheresti connettendoti dall’Italia.

É Legale il Geoblocking?

Ora, indipendentemente se la pratica del geoblocking sia giusta o meno, è evidente che la geolocalizzazione gioca un ruolo fondamentale nel rendere internet non così libero come molti pensano.

Per quanto riguarda la legalità di questa pratica, la legislazione in merito non è chiara o ben definita.

L’Europa e il continente dove al momento si sta facendo di più per evitare che la geolocalizzazione venga utilizzata come strumento di discriminazione. Nel maggio 2015 l’Unione Europea ha avviato un’iniziativa per favorire il libero commercio elettronico tra gli stati membri dell’unione senza che alcuni cittadini siano penalizzati a causa della loro posizione geografica. Nel novembre 2016 poi il Consiglio dell’Unione europea ha adottato una risoluzione che vieta il geoblocco ingiustificato tra i suoi Stati membri.

Queste iniziative hanno avuto un effetto positivo per i cittadini europei in quanto gli effetti sfavorevoli della geolocalizzazione si sono notevolmente ridotti anche se non sono stati eliminati completamente. Ad esempio, se vuoi guardare BBC iPlayer dall’Italia, il geoblocking non ti consente l’accesso. Questo è solo un’esempio di come la geolocalizzazione ha ancora un impatto sui cittadini europei.

A livello internazionale la situazione è più complicata. Servizi come Netflix, HBO Go, Hulu, PayPal e tanti altri utilizzanno i blocchi geografici continuamente. Il motivo principale indicato da queste aziende per l’utilizzo della geolocalizzazione è quello di proteggere i diritti sul copyright.

Ad ogni modo, piattaforme come Netflix trasmettono contenuti in streaming e non consentono il download del contenuto. Per questo motivo, non è chiaro se guardare questi contenuti online da una posizione geografica diversa costituisca effettivamente una violazione della legge sul copyright.

In ogni caso, non esiste nessuna legislazione che fa riferimento specifico alla pratica di aggirare la localizzazione. Per questo motivo, quando aggiri le restrizioni del geoblocking non stai commettendo un crimine e non sei soggetto a nessuna azione legale.

Come Aggirare la Geolocalizzazione?

La geolocalizzazione limita il tuo utilizzo della rete, non ti consente di accedere a tutte le risorse diponibili in rete e non ti da accesso completo alle informazioni disponibili su internet.

  • È possibile aggirare la geolocalizzazione?
  • Esiste un metodo sicuro per sbloccare siti web?

La risposta  a queste domande è affermativa. Aggirare la geolocalizzazione non solo è possibile ma utilizzando una VPN puoi rimuovere il geoblocking molto facilmente.

È possibile utilizzare anche un Proxy per aggirare i blocchi geografici in quanto anche questi strumenti sono in grado di mascherare il tuo indirizzo IP reale e sostituirlo con uno virtuale. Ad ogni modo, i Proxy non sono così efficace come una VPN e presentano diversi svantaggi in particolar modo per quanto riguarda la sicurezza.

La soluzione migliore e più efficace e quella di utilizzare un’ottima VPN come CyberGhost per ottenere accesso a qualsiasi contenuto online senza limitazioni. Per non menzionare poi che una VPN protegge in modo totale la tua privacy rendendo la tua navigazione su Internet protetta in ogni momento.

Scopri di più nel nostro articolo “Cosa è una VPN e come funziona

Migliori VPN per Disabilitare la Geolocalizzazione

Benché esistano innumerevoli VPN sul mercato, non tutte sono egualmente efficaci per aggirare il geoblocking. Ad esempio, le VPN gratuite non utilizzano una tecnologia abbstanza potente per aggirare i blocchi geografici più severi.

Nel corso dei nostri test, abbiamo selezionato le tre VPN che si sono dimostrate maggiormente affidabili per disabilitare la geolocalizzazione.

CyberGhost Logo

CyberGhost è veloce, affidabile e ha un prezzo imbattibile.

Utilizza il link qui sotto per ottenere uno sconto extra.

Recensione ExpressVPN

ExpressVPN è una garanzia assoluta. Di certo la VPN con le migliori prestazioni in assoluto.

Recensione NordVPN

NordVPN è conosciuta per la sua velocità e un network di server molto vasto. Prezzo molto competitivo.

Come Funziona una VPN per Disabilitare la Geolocalizzazione? 

Come spiegato in questo articolo, la geolocalizzazione funziona perchè i siti sono in grado di identificare il tuo indirizzo IP e in base a questo determinare la posizione geografica da cui ti stai collegando.

Questo implica che per evitare il geoblocking devi mascherare il tuo indirizzo IP reale e sostituirlo con uno finto. Questo è esattamente quello che fa una connessione VPN.

Una volta che hai scaricato e installato la VPN sul tuo dispositivo sarai in grado di selezionare un server VPN posizionato in qualsiasi parte del mondo a cui collegarti. In questo modo il server VPN ti assegna un indirizzo IP appartenete al paese in cui si trova il server con il risultato che puoi ora apparire connesso da qualsiasi posizione geografica senza muoverti da casa tua.

La procedura da seguire è sempre la stessa per qualsiasi sito tu voglia sbloccare. Ad esempio, se vuoi accedere a HBO Go dall’Italia, questo è quello che devi fare:

  • Attiva la VPN sul tuo dispositivo
  • Seleziona un server nel paese in cui il sito ha origine (nel caso di HBO Go seleziona un sito negli Stati Uniti)
  • Apri il browser e vai al sito HBO Go
  • Ora puoi accedere a tutti i contenuti senza essere bloccato

Ecco una lista di alcuni dei maggiori siti che puoi sbloccare utilizzando una VPN:

Netflix

Aggirare la geolocalizzazione di Netflix

Netflix, uno dei siti di streaming più popolari al mondo, ha implementato un geoblocking molto potente. Questo blocco non consente a tutti gli abbonati Netflix di avere accesso allo stesso catalogo di titoli. In Italia, ad esempio, i titoli disponibili su Netflix sono molto pochi in paragone con il Netflix USA. Anche se un abbonamento Netflix è valido a livello mondiale, dall’Italia non puoi collegarti al Netflix USA.

Per anni gli utenti di tutto il mondo hanno utilizzato una VPN o anche i proxy per sbloccare Netflix. Ora le cose sono cambiate in quanto i blocchi geografici utilizzati da Netflix sono diventati molto potenti e la maggioranza delle VPN non riesce ad aggirare la geolocalizzazione di Netflix.

Abbiamo comunque preparato una lista dell VPN che ancora funzionano per sbloccare Netflix.

BBC iPlayer

BBC iPlayer geoblocking
Schermata di errore BBC iPlayer Torneo Sei Nazioni

Come accennato in precedenza, la BBC iPlayer consente di trasmettere contenuti dal Regno Unito. Ma non è disponibile per coloro che risiedono al di fuori del Regno Unito. Il geoblocking di BBC iPlayer non consente l’accesso neanche ai cittadini britannici che vivono all’estero o si trovano fuori dal paese per turismo o lavoro.

Questo è un peccato anche per i cittadini italiani in quanto su BBC iPlayer ci sono tantissimi contenuti gratuiti come ad esempio serie tv, film, documentari e anche eventi sportivi in live streaming.

Una buona  VPN ti consente di aggirare la geolocalizzazione ovunque tu sia. È stato stimato che più di 60 milioni di persone al di fuori del Regno Unito guardano BBC iPlayer gratuitamente, tramite VPN o server proxy.

Youtube

Disattivare blocchi geografici per YouTube

YouTube è un altro sito che contiene un numero impressionante di video, ma molti di questi sono bloccati dalla geolocalizzazione.

Una volta era possibile modificare l’URL di YouTube per bypassare il geoblocking ma questo trucco non funziona più. Oggi è necessario utilizzare  plugin del browser come ProxMate, Web proxy oppure una VPN.

Per conoscere tutti i dettagli di come aggirare il geoblocking di YouTube abbiamo preparato una guida dettagliata su come utilizzare una VPN per sbloccare YouTube.

Come Disabilitare la Geolocalizzazione dai Browser Internet

La maggior parte dei browser internet è dotato di geolocalizzazione.

Disabilitare Geolocalizzazione

Una VPN nasconde il tuo indirizzo IP dai siti che visiti, tuttavia questa funzione viene disattivata se consenti al browser di utilizzare la geolocalizzazione.

Generalmente, il browser richiede l’utilizzo della posizione con un piccola finestra pop-up. Se confermi, anche se possiedi una VPN i siti che visiti possono visualizzare la tua reale posizione. In questo modo perdi buona parte dei vantaggi di una VPN.

Firefox

Geolocalizzazione Firefox

1: Digita about:config nella barra di ricerca URL e clicca su “Accetto i rischi”.
2: Scrivi geo.enabled nella barra di ricerca e fai doppio click sulla campo per impostarlo su false.

Chrome

Geolocalizzazione Chrome

Accedi a Menu > Impostazioni > Avanzate > Privacy e Sicurezza > Impostazione Contenuti > Posizione. Imposta questo campo su “Chiedi prima di accedere” per disattivare la geolocalizzazione.

Safari

Geolocalizzazione Safari

Accedi a Safari > Preferenze > Siti Web > Posizione. Imposta questo campo su Rifiuta per tutti i siti che non vuoi che utilizzino la tua posizione. Ricordati di selezionare Rifiuta anche sulla voce in basso “Quando visiti altri siti web”.

Per qualsiasi problema con la guida, lascia un commento e ti risponderemo nel più breve tempo possibile!

Informazioni sull'autore

Claudio R.

Da sempre un difensore della privacy online e attivo utilizzatore di VPN. Ha già testato e recensito decine di VPN e collabora con i più importanti siti di recensioni VPN a livello internazionale.

Lascia un Commento